fbpx

Pantone 2020: Classic Blue, scopri la sua storia ed i suoi poteri…

Anche per questo anno la Pantone Color Institute, divisione commerciale della Pantone ha annunciato quale sarà il colore del 2020: il CLASSIC BLUE (pantone 19-4052).

 

Il classic blue, è una tonalità profonda ed elegante universalmente riconosciuta come capace di infondere:

  • Calma, non a caso chi è attratto da questa croma risulta essere una persona pacata, (al contrario di chi lo respinge che invece è solitamente ansioso)
  • Fiducia,da cui il suo forte utilizzo nelle pubblicità, e… vi dice niente “Il principe Azzurro?”
  • Senso di Connessione, vi dice niente il “Bluetooth” ?
  • Rifugio è infatti il colore della Vergine Maria e del sesto Chakra (third Eye) in grado di favorire il sonno, ossigenare i tessuti e ridurre il dolore. (Secondo Nietzsche il blu ed il verde erano colori monoteisti, mentre il giallo ed il rosso erano politeisti.)
  • Concentrazione
Guanto Paillettes Blue, 27,90 Euro

Nonostante il blu sia  il colore preferito del 50% degli europei, per mia esperienza divide molto tra chi lo adora e chi non lo tollera: una tono che non lascia certo indifferenti.

L’assonante coppia “Bionda & Blu” mi fa subito pensare all’eleganza e la raffinatezza di una principessa, e trovo che alcuni materiali come il velluto diano il meglio di se’ in questa colorazione. D’altro canto riconosco che non tutte le tonalità di blu stiano bene a tutti indistintamente, ecco perché il democratico nero resterà sempre il sovrano della mia palette. E pensare che c’è stato un momento fino a cui accostare nero e blu notte era inammissibile, ma poi è arrivato Yves Saint Laurent e anche tutte le paladine del total black si sono lasciate rapire dalla bellezza di questo abbinamento (soprattutto se realizzato con tessuti preziosi quali la seta).

 

 

Scontato dirvi che era il colore preferito di Pablo Picasso, per Kandinskij:

Il blu implicava profondità ed era il colore dei personaggi spirituali

Utopia in blu- Wassily Kandinsky, 1909

 

 

 

Lo stilista, che indubbiamente ha fatto del blu una sua firma è stato Giorgio Armani, tanto è vero che l’ultima sfilata avvenuta nel Silos Armani si intitolava: “Rapsodia in Blu”.

Alternativo al nero, presenza forte, il blu “è raffinato e sereno. E’ potente come il nero ma ha una morbidezza speciale, notturna. Trasmette calma e regala dignità. Giorgio Armani

 

Non resta altro che vedere quanto seguiremo il trend di questo Pantone: faremo come l’anno scorso innamorandocene come per il Living Coral (Pantone 2019) o gli faremo fare la fine dell’ Ultra Violet (Pantone 2018) rilegato- per fortuna- alla giacca vellutata di Willy Wonka???

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.